Orari Traghetti e Aliscafi per Ischia Porto

L'approdo più importante per il traffico commerciale e turistico dell'isola d'Ischia.

Orari corse da e per Ischia Porto
Prenota online
Mappa del Golfo di Napoli
Andata domenica 29 marzo 2020

Traghetti e Aliscafi da Napoli e Pozzuoli (tutti i porti) a Ischia Porto

Prossima partenza tra
Traghetto
Partenza Arrivo stimato Mezzo Prenota
06:00
Napoli
07:45
Ischia Porto
Traghetto Caremar
Giornaliero
07:15
Pozzuoli
08:25
Ischia Porto
Traghetto Gestour
Giornaliero
08:40
Napoli
09:45
Ischia Porto
Aliscafo Caremar
Giornaliero VP
10:40
Pozzuoli
11:50
Ischia Porto
Traghetto Gestour
Giornaliero
10:45
Napoli
12:20
Ischia Porto
Traghetto Caremar
Giornaliero VP
13:45
Pozzuoli
14:55
Ischia Porto
Traghetto Gestour
Giornaliero
14:45
Napoli
15:45
Ischia Porto
Aliscafo Caremar
Giornaliero VP
17:30
Pozzuoli
18:30
Ischia Porto
Traghetto Gestour
Giornaliero
17:35
Napoli
19:10
Ischia Porto
Traghetto Caremar
Giornaliero VP
19:25
Napoli
20:25
Ischia Porto
Aliscafo Caremar
Giornaliero VP
Ritorno domenica 29 marzo 2020

Traghetti e Aliscafi da Ischia a Napoli e Pozzuoli

Prossima partenza tra
Traghetto
Partenza Arrivo stimato Mezzo Prenota
06:20
Ischia Porto
07:20
Napoli
Aliscafo Caremar
Giornaliero VP
08:45
Ischia Porto
10:05
Napoli
Traghetto Caremar
Giornaliero
09:00
Ischia Porto
10:10
Pozzuoli
Traghetto Gestour
Giornaliero
12:10
Ischia Porto
13:20
Pozzuoli
Traghetto Gestour
Giornaliero
13:00
Ischia Porto
14:00
Napoli
Aliscafo Caremar
Giornaliero VP
15:30
Ischia Porto
17:05
Napoli
Traghetto Caremar
Giornaliero VP
16:05
Ischia Porto
17:15
Pozzuoli
Traghetto Gestour
Giornaliero
17:40
Ischia Porto
18:40
Napoli
Aliscafo Caremar
Giornaliero VP
19:10
Ischia Porto
20:10
Pozzuoli
Traghetto Gestour
Giornaliero
19:40
Ischia Porto
21:15
Napoli
Traghetto Caremar
Giornaliero VP

I neo borbonici, a visitare Ischia, avrebbero di che rallegrarsi. Infatti il “peso” urbanistico dei Borbone è ancora evidente su tutta l’isola: dalle pinete messe a dimora dal botanico Giovanni Gussone, alla chiesa Santa Maria di Portosalvo, senza dimenticare la strada di collegamento tra i comuni di Forio, Lacco Ameno e Casamicciola Terme, detta, appunto, la Borbonica.

Ma è senza dubbio il Porto di Ischia l’opera civile più importante lasciata in eredità dai Borbone. Parlarne oggi sembra quasi scontato, eppure, per moltissimo tempo commercio e turismo risentirono negativamente della mancanza di un approdo sicuro. 

Fu Ferdinando II, nel 1854, a decidere di "aprire a porto" quello che era nient’altro che un piccolo lago vulcanico appena lambito dal mare circostante.  Le conseguenze positive non tardarono ad arrivare anche se il Regno Delle Due Sicilie di lì a qualche anno cedette, come sappiamo, il passo all’Unità d’Italia.

Dal punto di vista storico le differenze tra nord e sud dell'isola passano tutte da qui. Infatti a beneficiare per primi della presenza del porto furono i comuni di Ischia, Casamicciola Terme e Lacco Ameno, mentre Barano d'Ischia, Serrara Fontana e Forio sono rimaste ancorate più a lungo all'agricoltura e alla pesca.

Negli anni, ovviamente, il gap si è assorbito e da molto tempo, ormai, il turismo rappresenta il destino unico di tutti e sei i comuni dell'isola. Per altro verso, però, il primato del porto di Ischia resta. Un primato fatto soprattutto di numeri e servizi.


Innanzitutto il diportismo nautico, con il lato della Marina di Porto Salvo dotato di tutti i servizi che competono a un moderno porto turistico: guardiania h 24; assistenza ormeggio/disormeggio; acqua potabile; distributore carburante; operatore subacqueo; assistenza meccanica, elettrica ecc.

Servizi che hanno notevolmente contribuito alle fortune turistiche della Riva Destra. Da tanti anni, la “Rive Droite”, come vezzosamente la chiamano gli ischitani, è una delle tappe obbligate del by night ischitano, tra ristoranti, disco pub, enoteche e megayachts ormeggiati in banchina.

Poco distante dalla Banchina di Porto Salvo (o del Redentore, così chiamata per la statua del Cristo Redentore) c'è il molo degli aliscafi con partenze giornaliere alla volta di Napoli Molo Beverello e Mergellina (durante i mesi estivi).

Dall’altro lato del porto c’è la Riva Sinistra (Banchina Olimpica) che invece è il molo di servizio, l’area portuale da cui passa il traffico merci e passeggeri veicolato dai traghetti.